Impara a comunicare: come dare un feedback efficace

In questo articolo ti spiegherò quali sono le linee guida per dare un feedback efficace.

Imparare a dare feedback efficaci è un’abilità indispensabile sul posto di lavoro, soprattutto se svolgi una mansione che presuppone il lavoro in team con altre persone.

Spesso i feedback vengono confusi per critiche dirette verso il proprio operato: in realtà un feedback che viene letto come una critica potrebbe essere stato formulato nel modo sbagliato, e quindi venire recepito come un attacco contro la persona verso cui era diretto.

Imparare a dare feedback efficaci è uno degli aspetti della comunicazione che andrebbero curati ed allenati di più se vuoi essere più performante nei lavori di gruppo.

Questo articolo ti spiegherà come fare: prima di tutto, iniziamo dalla definizione di cos’è un feedback.

Che cos’è un feedback?

Il feedback è un messaggio che viene utilizzato da una persona per comunicare all’altra informazioni su come è stato percepito e sperimentato un dato comportamento.

Il feedback fa parte della comunicazione regolativa.

Come dice il nome, essa serve a verificare la reciproca comprensione dei messaggi ed il procedere dell’interazione sociale al fine di modulare il proprio agire interpersonale.

In poche parole il feedback è fondamentale per regolare le interazioni sociali che abbiamo con gli altri: il feedback è utilissimo per far sapere all’altro come hai recepito un suo comportamento, in modo che entrambi possiate regolare la vostra interazione di conseguenza.

Facciamo un esempio banale: torna con la memoria ad un episodio in cui una persona per te importante ti ha offeso in qualche modo, magari involontariamente.

Quale è stata la tua reazione in quel caso?

In una situazione di questo tipo ricordati che dare un feedback efficace all’altro sul suo comportamento è un modo maturo e costruttivo per regolare la vostra interazione: se fai sapere all’altro come ti sei sentito rispetto al suo comportamento, vedrai che l’altro potrà regolarsi di conseguenza per evitare situazioni simili in futuro.

Quali sono le caratteristiche di un feedback efficace?

Le caratteristiche di un buon feedback sono le seguenti:

  1. Un feedback efficace è espresso in modo non giudicante verso l’altro;
  2. Un feedback efficace riporta i fatti così come sono accaduti utilizzando la comunicazione descrittiva, che è priva di valutazioni personali;
  3. Un feedback efficace presuppone che tu prenda responsabilità personale per le tue reazioni;
  4. Un feedback efficace viene comunicato subito o comunque in prossimità rispetto all’evento scatenante: non aspettare troppo tempo!
  5. Un feedback efficace formula gli appelli sotto forma di desideri (“la prossima volta vorrei che tu facessi questo …”).

In sintesi il feedback è un messaggio non giudicante, che descrive per filo e per segno cosa è successo durante l’interazione, in cui ti prendi responsabilità per il modo in cui hai reagito ed in cui fai un appello all’altro sotto forma di desiderio.

Il “panino imbottito”: un esempio pratico di feedback efficace

Se vuoi imparare a dare feedback efficaci sul posto di lavoro o nelle tue interazioni sociali con gli altri ricordati la regola del panino imbottito.

Un buon panino è composto da:

  1. Una fetta di pane;
  2. Il ripieno;
  3. Un’altra fetta di pane.

Utilizza la struttura appena esposta per comporre i tuoi feedback efficaci, che saranno quindi strutturati in questo modo:

  1. Un elemento positivo che hai riscontrato nel comportamento dell’altro;
  2. Un limite su cui credi che l’altro possa crescere e migliorare;
  3. Un altro elemento positivo.

In questo modo è molto più probabile che l’altro accetti il tuo feedback e che ragioni su di esso per migliorare il suo comportamento.

Prova ad utilizzare questa struttura per dare i tuoi feedback e fammi sapere come va!

Allena la tua mente ad essere produttiva o rilassata in luoghi e posti specifici!

Qualche mese fa ho scritto un articolo dedicato agli studenti in cui ho esposto come creare un proprio spazio di concentrazione che aumentasse la produttività nello studio.

Oggi voglio riprendere il tema della connessione tra stato mentale e luogo in cui ci troviamo per espandarlo ulteriormente e generalizzarlo.

Lo scopo di questo articolo è quello di esporti come è possibile associare un determinato stato mentale, che può essere di concentrazione, di rilassamento o così via, ad uno specifico luogo fisico.

Innanzitutto, perchè una conoscenza del genere potrebbe esserti utile?

Nella vita di tutti i giorni ci ritroviamo ad attraversare un sacco di situazioni che sono caratterizzate da luoghi e posti diversi.

C’è il posto di lavoro, ci sono i posti in cui ci ritroviamo con gli amici, c’è la palestra per chi è amante dello sport, c’è la nostra casa: questi sono tutti luoghi fisici a cui normalmente associamo degli stati mentali che sono probabilmente l’uno diverso dall’altro.

Quando andiamo a lavoro abbiamo bisogno di essere concentrati e produttivi.

Quando siamo in palestra vogliamo concentrare tutte le nostre energie mentali e fisiche per sollevare uno specifico carico oppure per compiere un gesto atletico particolarmente difficile.

Quando siamo a casa vogliamo riposarci e rilassarci, abbandonando tutto lo stress accumulato durante la giornata per fare spazio al rilassamento.

Ogni luogo è collegato ad uno specifico obiettivo che vogliamo raggiungere, ma non è detto che questo avvenga.

Se vogliamo aumentare le probabilità di raggiungere il nostro obiettivo, è necessario che la connessione tra lo stato mentale desiderato ed il luogo in cui stiamo per entrare sia rafforzata il più possibile.

Come avviene questa connessione tra stato mentale e luogo fisico?

Il processo di creazione di una relazione tra uno stato mentale specifico ed un luogo fisico avviene per ripetizione, attraverso la creazione di un’abitudine comportamentale.

Più tecnicamente si tratta di condizionamento: due variabili vengono associate tra di loro, vengono condizionate, in modo che ogni volta che c’è uno stimolo A ci sarà una risposta condizionata B.

Per chi volesse approfondire l’argomento metto questo link che rimanda agli studi storici condotti da Pavlov sul condizionamento.

Come puoi fare per rafforzare questa connessione?

Qui di seguito ti espongo tre consigli utili che potrai utilizzare per potenziare la connessione tra luogo fisico e lo stato mentale che vuoi raggiungere.

1° consiglio: Scegli un luogo che sia adatto allo stato mentale che vuoi sollecitare

A volte non possiamo scegliere il luogo in cui vogliamo essere produttivi e concentrati: ad esempio, se ti trovi sul posto di lavoro il luogo fisico è stato scelto per te e se possiede delle caratteristiche distraenti e/o poco efficaci per rimanere concentrato purtroppo ti dovrai adattare.

Tuttavia, in ogni situazione è possibile avere una certa dose di controllo, per cui ti invito a:

  1. Se si tratta di un luogo che è stato scelto per te, allora prova a modificare quelle variabili ambientali che secondo te potrebbero aiutarti ad essere più produttivo, concentrato, rilassato eccetera;
  2. Se hai la possibilità di poter scegliere un luogo ex-novo, come ad esempio nel caso che tu sia uno studente che sta cercando un nuovo posto dove studiare ed essere produttivo al massimo verso lo studio, ti invito a cercarne uno che abbia le caratteristiche adatte per sollecitare lo stato mentale che vuoi raggiungere.

Per fare degli esempi pratici: se hai necessità di rilassarti e quindi vuoi trovare un luogo dove farlo, puoi decidere di modificare un luogo già esistente, ad esempio una camera di casa tua ed adibirla ad uno spazio di relax, oppure cercare qualche posto che in te evoca sensazioni di rilassamento, come una radura, un parco, una spiaggia e così via.

2° consiglio: Mantieni lo stato mentale desiderato per il tempo necessario, poi allontanati dal luogo designato

Questo consiglio ha a che fare con il principio sportivo della pratica perfetta: non è la pratica che rende perfetti, ma è la pratica perfetta che rende perfetti.

Che cosa significa?

Significa che per associare uno stato mentale ad uno stimolo come un luogo fisico è necessario fare un lavoro di associazione di qualità.

Per questo motivo ti invito a recarti nel luogo prescelto e a sollecitare lo stato mentale che vuoi raggiungere (di concentrazione, di produttività, di rilassamento), grazie anche all’aiuto delle caratteristiche del luogo che ti sei scelto grazie al primo consiglio.

Successivamente prova a rimanere in questo stato mentale per quanto tempo riesci a farlo mantenendo un buon grado di qualità: se vuoi rimanere concentrato, cerca di farlo sino a quando non senti che veramente non riesci più a concentrarti.

A quel punto ti invito ad andartene fisicamente dal luogo scelto.

Questo processo instaurerà una relazione tra lo stato mentale di qualità che hai evocato ed il luogo prescelto, in modo che quando ti recherai in quel luogo riuscirai a rimanere concentrato/rilassato/produttivo senza incorrere in distrazioni di alcun tipo.

Se non puoi andartene fisicamente dal luogo che hai scelto, come nel caso che si trattasse del posto di lavoro, prova a fare una pausa ed a fare altro, in modo da resettare lo stato mentale passando ad un altro per poi rievocarlo più avanti se ti servirà.

3° consiglio: allenati a farlo!

Per stabilire una connessione di questo tipo la ripetizione è importantissima, per cui allenati a fare questo genere di lavoro il più spesso possibile.

Vedrai che con il tempo riuscirai a sollecitare più facilmente lo stato mentale che ti interessa semplicemente recandoti nel luogo che hai scelto, con tutti i vantaggi che potrai cogliere da questa associazione!

I processi psicologici bottom-up: ecco perchè le emozioni sono importanti

I processi psicologici bottom-up (basso-alto), da come si evince dal nome, sono processi psicologici caratterizzati da un “movimento” di informazioni che va dal basso verso l’alto.

Sono contrapposti ai processi psicologici top-down (alto-basso), che invece seguono una direzione opposta.

Quale ruolo hanno i processi bottom-up nel funzionamento psichico dell’individuo e perchè dovresti conoscerli?

I processi psicologici bottom-up sono connessi al modo in cui ti adatti alla realtà circostante: la tua vita è un continuo processo di adattamento, quindi conoscere come funzioni è fondamentale per funzionare bene.

I processi psicologici bottom-up sono connessi al tuo funzionamento emotivo

Le emozioni, come ho già detto altre volte, sono fondamentali per il tuo benessere psicologico.

Se le sai riconoscere ed impari ad accoglierle ed a viverle fino in fondo, la tua capacità di gestire le incombenze della vita quotidiana aumenterà a dismisura.

Questo succede perchè le emozioni non sono semplicemente delle “passioni”, dei sentimenti connessi alle proverbiali “farfalle nella pancia” o al “buco nello stomaco”.

Per centinaia di anni la società occidentale ha trattato la mente ed il corpo come entità separate: da un lato c’è la mente con il suo raziocinio, che eleva l’uomo al di sopra degli altri animali; e dall’altro lato c’è il corpo con le sue “passioni” e le funzioni biologiche, che ci rendono bestiali e più simili agli altri animali.

Questo dualismo introdotto da Cartesio nel lontano 1600 ormai è ritenuto superato dalla scienza attuale.

Al contrario, le emozioni sono intese come dei pacchetti di informazioni che vengono utilizzate dall’organismo per adattarsi alla realtà circostante.

Proviamo con un esempio “spaziale”: immagina le tue emozioni come dei piccoli sistemi solari.

Al centro del sistema solare, lì dove dovrebbe esserci il Sole, c’è la tua emozione.

Attorno ad essa orbitano tutta una serie di informazioni che sono intimamente connesse a quella emozione: ci possono essere desideri, aspettative, valori che per te sono importanti, informazioni legate alla relazioni sociali e così via.

Questo significa che le tue emozioni sono collegate a doppio filo con i tuoi pensieri: quello che pensi, lo senti.

Molto spesso accade che decidendo di non ascoltare una determinata emozione ti stai precludendo dall’utilizzare una serie di informazioni su di te e sul mondo che ti circonda che invece potresti utilizzare per gestire meglio la tua vita e le relazioni sociali.

D’altronde, la mente umana può essere paragonata ad un computer molto complesso: più informazioni riesci ad inserire all’interno del computer e più è facile per lui produrre un resoconto completo di quello che sta succedendo a te ed all’ambiente che ti circonda.

Le emozioni si attivano a partire da cambiamenti nell’ambiente esterno: esse ti danno la spinta motivazionale a fare qualcosa per gestire questo cambiamento.

In tutto ciò, i processi psicologici bottom-up sono proprio quei processi in cui contattando un’emozione dalla pancia essa “risale” sino al tuo cervello dove attiva tutto il corollario di informazioni a cui era connessa (e che prima non vedevi e non utilizzavi).

Il movimento dell’informazione avviene dal basso verso l’alto perchè il contenuto emotivo attiva funzioni cerebrali superiori che sono portatrici di tutta una serie di informazioni che successivamente il tuo organismo utilizza per adattarsi all’ambiente.

Questo significa che quando non assapori le tue emozioni stai facendo un torto a te stesso: stai funzionando ad una percentuale minore del tuo vero potenziale di adattamento  perchè il tuo organismo si sta adattando all’ambiente con informazioni parziali su di te e su di esso.

Certo, essere tristi, impauriti o arrabbiati non è proprio il massimo, ma imparare a stare in queste emozioni è il modo migliore per:

  1. “Svelare” le informazioni connesse a queste emozioni ed utilizzarle a tuo beneficio;
  2. Fare in modo che passino e che non creino blocchi emotivi che possono durare anche per molto tempo.

L’esperienza comune che segue il viversi un’emozione fino in fondo è quella della liberazione, di “essersi tolti un peso” e di scoprire cose su di sè nuove e creative.

Togliti il paraocchi immaginario che ti impedisce di vederti dentro ed impara ad ascoltare le tue emozioni 🙂

Perchè è difficile cambiare? Il ruolo degli automatismi nel cambiamento

Cambiare se stessi è un processo lungo e difficile.

Il cambiamento del proprio modo di pensare, di sentire e di agire presuppone una certa dose di energia, di tempo ma soprattutto di consapevolezza.

Spesso ti potrebbe capitare di pensare di avere tutto sotto controllo, di essere tu stesso al timone della tua vita, ma sappi che gran parte del tuo funzionamento psichico avviene tramite processi automatici fuori dalla consapevolezza.

Il cambiamento di se stessi, quindi, deve passare necessariamente per la presa di consapevolezza dei processi automatici principali che regolano le tue reazioni problematiche.

Vediamo di fare un pò di chiarezza su cos’è un processo automatico.

Iniziamo con un esempio: prova a tornare con la memoria all’ultima volta che hai guidato la tua macchina.

Cosa stavi pensando mentre guidavi l’automobile?

Eri consciamente occupato a portare l’attenzione sullo sterzo, sul cambio, sui piedi che muovono i pedali oppure stavi pensando a quello che avresti dovuto fare da lì a poco?

Magari ti sei perso in pensieri legati ai giorni precedenti a quel momento, oppure ti sei messo a fantasticare su quello che avresti fatto a fine giornata.

Ecco, guidare la macchina è un tipico esempio di processo automatico che si attiva a partire da un atto volontario: decidi di metterti a guidare per andare da un punto A ad un punto B ed il tuo corpo lo fa in automatico, senza necessariamente focalizzare le tue risorse attentive sulla guida.

È grazie al fatto che hai guidato tante volte (ripetizione) e con successo (rinforzo positivo) che piano piano la guida è diventata un automatismo psicologico.

Il vantaggio principale degli automatismi psicologici è ci permettono di far confluire la nostra attenzione su altri aspetti della realtà intorno a noi che possono essere diversi da quello che stiamo facendo.

Inoltre, l’altro grande vantaggio degli automatismi psicologici è che funzionano da filtro per le informazioni che ci arrivano dal mondo esterno.

Quando osserviamo un fiore lo stimolo visivo proveniente dagli occhi viene elaborato dal cervello che, per via delle caratteristiche dell’oggetto osservato (petali, gambo, colore verde ecc.), lo categorizza come “fiore”.

È per questo che non ci serve fare uno sforzo cognitivo ogni volta che osserviamo un fiore: il nostro cervello lo categorizza in automatico come “fiore” per via dello schema cognitivo che abbiamo di esso e passa successivamente ad analizzare il prossimo oggetto saliente proveniente dalla realtà.

Gli automatismi psicologici sono comodi perchè ci rendono più efficienti e ci aiutano a risparmiare preziose energie psichiche che possiamo utilizzare per adattarci alla realtà circostante.

Gli automatismi psicologici sono così importanti nel funzionamento umano che vanno assolutamente considerati quando si parla di cambiamento.

Sicuramente durante la tua vita avrai creato degli automatismi psicologici a partire dalle interazioni sociali che hai avuto con le persone per te significative.

La mamma, il papà, i nonni, gli zii, ma anche gli amici ed il contesto scolastico sono tutte persone con cui hai interagito nella tua infanzia e verso cui hai sviluppato modi di rapportarti che ti permettessero di adattarti alla relazione sociale nel miglior modo possibile per quel momento della tua vita.

L’assunto principale è che se qualcosa funziona, tendiamo a ripeterla!

Perciò, se con tuo papà la strategia del non esprimere la tua opinione funzionava perchè altrimenti ti avrebbe criticato o ti avrebbe urlato addosso se lo avessi fatto, allora è molto probabile che tu l’abbia ripetuta con successo fino a quando è diventata un automatismo psicologico.

Qual è il risultato di questo processo di apprendimento?

Il risultato sta nel fatto che gli automatismi psicologici vengono generalizzati anche ad altre situazioni e ad altre persone: ricordi il discorso sugli schemi cognitivi e sul fiore che facevo prima?

Ecco, semplificando l’argomento in modo che possa essere facilmente capito questo è proprio quello che succede.

L’essere umano impara delle modalità di stare nel proprio mondo sociale che sono funzionali all’adattamento e ripetendole nel tempo e con successo esse diventano automatiche.

Per cambiarle è necessario riportarle alla consapevolezza: se non so come funziono, se non so il motivo per cui reagisco in un certo modo in determinate situazioni come posso pensare di poter cambiare il mio modo di fare?

È per questo che un fetta importante del lavoro fatto nello studio di uno psicologo può concentrarsi (in base alla richiesta d’aiuto da parte del cliente e l’accordo sul contratto terapeutico da seguire) sul prendere consapevolezza degli automatismi psicologici che causano problemi al cliente.

La prossima volta che reagisci ad un amico, al partner, ad un collega in modo che non ti spieghi e che è semplicemente accaduto, come se avessi messo il pilota automatico, pensaci: potrebbe trattarsi di un automatismo psicologico.

 

Aforisma – Tu vai pazza per le parole, vero? – David Foster Wallace

“Tu vai pazza per le parole, vero? Vero che vai pazza per le parole?

Mi dai l’idea di essere una che va pazza per le parole.

Nel senso che le prendi terribilmente sul serio, tipo come se fossero un bisturi o una motosega che rischia di tagliarti con la stessa facilità con cui taglia gli alberi.”

David Foster Wallace