Il tuo modo di reagire allo stress dice molto sulla tua personalità

Il tuo modo di reagire allo stress dice molto sulla tua personalita

Il tuo modo di reagire allo stress dice molto sulla tua personalità

Come reagisci quando sei sotto stress?

Il tuo modo di comportarti quando il gioco si fa duro può darti indizi importanti sulla tua personalità.

La prossima volta che ti ritroverai a dover reagire allo stress togli il pilota automatico alla tua mente ed utilizza le informazioni di questo articolo per capire meglio la tua personalità, ne resterai sorpreso!

Quando il gioco si fa duro …

Molte persone rimangono sorprese quando gli viene fatto notare che il loro modo di comportarsi con se stessi o con gli altri cambia quando devono reagire allo stress.

Magari si definiscono persone calme e tranquille, ma non appena la situazione diventa più complicata da gestire ecco che compaiono i primi sintomi del cambiamento: irritabilità e aggressività da un lato oppure svalutazione e avvilimento dall’altro.

La capacità di reagire allo stress è molto importante per vivere bene la vita quotidiana.

Il mondo esterno ci pone continuamente di fronte a sfide sempre nuove che richiedono da parte nostra un adattamento creativo: ma cosa succede quando la sfida diventa più grossa e complessa del solito?

In questi casi il nostro organismo mette in atto tutta una serie di strategie per reagire allo stress nel miglior modo possibile.

La nostra mente va a pescare queste strategie da una speciale “cassetta degli attrezzi” personale, che contiene tutte nostre modalità preferite di reagire allo stress che abbiamo imparato, sviluppato ed accumulato durante la nostra vita.

Un tuffo nel passato per comprenderci meglio

Ognuno di noi ha sviluppato la maggior parte di queste strategie nel passato e le ha continuate ad usare, volontariamente o involontariamente, per tutta la vita.

Probabilmente non ci abbiamo mai pensato in questi termini, ma anche la vita di un bambino è ricca di sfide giornaliere e di problemi!

Ogni bambino è immerso in un contesto sociale ed ambientale in continuo mutamento: la relazione con i genitori, con la famiglia allargata, con i pari, con la scuola e così via.

Come possiamo capire, anche un bambino molto piccolo deve elaborare delle strategie per “sopravvivere” al suo contesto di appartenenza.

Per fare ciò, può elaborare queste modalità di trattare se stesso e gli altri osservando come si comportano le persone per lui importanti, ovvero i suoi genitori, e basandosi anche sul modo in cui viene trattato da quest’ultimi.

Un bambino che è stato incoraggiato nell’esplorazione del mondo esterno e sostenuto tramite cure amorevoli molto probabilmente diventerà un adulto che, in una situazione in cui deve reagire allo stress, risponderà con atteggiamenti pro-attivi verso sè e verso gli altri.

Al contrario, un bambino a cui è stato continuamente detto e ripetuto tramite gesti che non è capace di affrontare il mondo, molto probabilmente crescerà con la consapevolezza che tutto è al di fuori della sua portata, reagendo quindi con sentimenti di svalutazione e avvilimento.

Esistono molte variazioni su questo tema (e soprattutto non esiste una causalità lineare diretta a riguardo, proprio perchè i percorsi personali di vita sono innumerevoli ed estremamente variegati), ma in generale le modalità di reagire allo stress trattando noi stessi o gli altri in modo positivo o negativo pongono le loro basi nel passato.

Come reagisci quando sei sotto stress?

Prova a farci caso la prossima volta in cui dovrai affrontare un compito particolarmente arduo: come reagisci quando sei sotto stress?

Ti invito a prendere consapevolezza per un attimo dei tuoi pensieri: che cosa stai dicendo su te stesso e sugli altri?

Fai attenzione a tutti quei pensieri che sembrano cavalcare le onde della svalutazione, della critica e dell’aggressività distruttiva.

Adesso prova a portare la tua attenzione alla pancia: che cosa senti?

Anche qui è importante diventare consapevoli delle proprie emozioni: pensieri negativi vengono spesso accompagnati da emozioni negative.

Fare questo semplice esercizio di consapevolezza può dirti molto su te stesso/a, probabilmente in modi di cui non eri consapevole.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo!

Se ti è piaciuto l’articolo, valuta la possibilità di condividerlo tramite social network 🙂

Puoi farlo cliccando sui pulsanti appositi che trovi qui sotto ed a sinistra dell’articolo.

Inoltre, puoi iscriverti alla newsletter cliccando sull’immagine che trovi sulla destra.

About author View all posts

Antonello Mattia

Mi chiamo Antonello Mattia, sono uno psicologo ed organizzo corsi di rilassamento online e sul territorio di Roma e Castelli Romani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *