Un valido aiuto per combattere lo stress: il Diario dello Stress

Un valido aiuto per combattere lo stress Diario dello Stress

Un valido aiuto per combattere lo stress: il Diario dello Stress

Sapevi che esistono degli strumenti che puoi utilizzare facilmente, costano pochissimo e che ti possono aiutare a combattere lo stress?

Il Diario dello Stress è uno di questi strumenti!

Si tratta di una tecnica che si avvale semplicemente di carta e penna e ti aiuterà a:

  • Capire meglio cosa ti succede quando sei sotto stress;
  • Comprendere più a fondo i tuoi pensieri e le tue emozioni;
  • Elaborare delle strategie per combattere lo stress

Continua a leggere l’articolo per saperne di più!

Cos’è il Diario dello Stress?

Il Diario dello Stress, come dice il nome, è un diario che aiuta la persona che lo utilizza ad acquisire consapevolezza dei pensieri e delle emozioni che vive quando è sotto stress.

Si tratta di una tecnica che può essere applicata da chiunque in qualsiasi momento: basta dotarsi di un quaderno e di una penna!

In passato ho già scritto un articolo riguardante l’utilizzo del diario per il cambiamento positivo di se stessi: in questo caso ci concentremo sull’utilizzo di un diario per prevenire e combattere lo stress.

Come funziona il Diario dello Stress?

Per compilare il Diario dello Stress la persona deve descrivere brevemente la situazione stressante che l’ha turbata annotando il giorno e l’ora.

Sul Diario dello Stress può essere annotata qualsiasi situazione vissuta come stressante: anzi, questa pratica è molto incoraggiata!

Infatti, riportando più situazioni possibili sul diario, la persona acquisisce la capacità di vedere i punti in comune tra tutte queste situazioni.

Aumentano la propria conoscenza dei punti in comune, è possibile migliorare la capacità di combattere lo stress andando a trovare delle alternative positive ai pensieri o ai comportamenti che generano stress.

Dopo aver descritto brevemente la situazione, si annotano i Sentimenti che sono stati provati in quella specifica situazione.

Questo aiuta a dare un nome alle emozioni e stimola ancora di più il processo di auto-consapevolezza.

Se non sappiamo dare un nome specifico all’emozione che abbiamo provato in quello specifico momento, possiamo cercare di descriverla attingendo alle sensazioni fisiche sperimentate: stare a contatto con la pancia, il nostro centro emotivo, aiuta molto nella descrizione delle emozioni!

Dopo aver descritto i sentimenti, la persona passa a scrivere i Pensieri che Disturbano.

I Pensieri che Disturbano sono tutti quei pensieri che le persone rivolgono a loro stesse quando sono sotto stress: hai mai fatto caso ai tuoi pensieri in quelle situazioni?

Prova ad ascoltarti e fai di questo comportamento un’abitudine: ti renderai conto che potrebbero essere presenti dei pensieri svalutanti verso te stesso/a o gli altri di cui non avevi neanche consapevolezza!

Questo processo aiuta la persona ad uscire dagli schemi mentali automatici ed acquisire conoscenza dei propri schemi cognitivi.

La parte successiva è quella dedicata alle Risposte Positive.

In ogni situazione problematica ci sono degli aspetti che abbiamo generalizzato, che non abbiamo considerato oppure che abbiamo considerato in maniera molto peggiore e più catastrofica di quello che sono in realtà.

Quando ci troviamo ad affrontare un problema può essere utile porsi delle domande simili a queste:

  • Conosco davvero tutti i fatti?
  • C’è un modo migliore per considerare la situazione?
  • Cosa direbbe un caro amico in questa situazione?

Anche pensare ad una persona a cui siamo affezionati o che riteniamo che sia brava ad affrontare situazioni simili può essere utile: quello di cui abbiamo bisogno è di una prospettiva diversa da cui poter osservare la situazione stressante!

Rimani il più vicino possibile alla realtà facendoti influenzare il meno possibile da pensieri e sentimenti, e vedrai che acquisire una nuova prospettiva diventerà sempre più facile con il tempo.

Infine, l’ultima cosa da fare è scrivere il Piano di Azione, ovvero cosa faremo realmente per affrontare la situazione stressante.

Ricordiamoci che in primo luogo può essere molto utile calmarsi e ragionare a mente fredda, per questo può essere estremamente indicato fare un esercizio di rilassamento.

Poi possiamo utilizzare tutte le informazioni che abbiamo raccolto sino ad ora per cambiare il modo con cui ci approcciamo al problema e quindi aumentare le possibilità di risolverlo.

In sintesi …

La compilazione del Diario dello Stress è la seguente:

  • Descrivo brevemente la situazione che mi ha stressato e/o turbato (con data e ora)
  • Scrivo i Sentimenti che ho provato in quel momento
  • Scrivo i Pensieri che ho pensato in quel momento
  • Cerco di vedere il problema da una prospettiva diversa elaborando delle Risposte Positive al problema
  • Scelgo e scrivo dei modi per affrontare la situazione stressante nel Piano di Azione

Se all’inizio trovi che sia difficile, non scoraggiarti!

Diventare consapevoli delle emozioni e dei pensieri che proviamo in una situazione stressante è un grande passo in avanti di per sè e migliora considerevolmente la nostra capacità di combattere lo stress.

Inoltre, più usiamo il Diario dello Stress e più diventeremo bravi ad usarlo: questo significa che ciò che ci sembrava difficile diventerà sempre più facile e con il tempo troveremo da soli le nostre alternative ai problemi.

Comincia subito prendendo carta e penna e fammi sapere come va! 🙂

 

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui social network!

Inoltre, puoi iscriverti alla newsletter per riceverne altri ogni settimana: basta cliccare sull’immagine apposita alla destra dell’articolo!

Dottor Antonello Mattia

About author View all posts

Antonello Mattia

Mi chiamo Antonello Mattia, sono uno psicologo ed organizzo corsi di rilassamento online e sul territorio di Roma e Castelli Romani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *